“PER UN’ITALIA SOVRANA E NEUTRALE. LE PROSPETTIVE DEL MOVIMENTO PER L’USCITA DELL’ITALIA DALLA NATO”.

7 dicembre 2015 Commenti disabilitati

 

Sabato 12 dicembre ore 16

 
 

 PER UN’ITALIA SOVRANA E NEUTRALE

 

LE PROSPETTIVE DEL MOVIMENTO PER L’USCITA DELL’ITALIA DALLA NATO.

 
 

Locandina 12 dicembre

 

Con l’intervento di

 

 Vincenzo Brandi

 

portavoce del Comitato “No guerra No NATO”.

 
 

Al centro sociale Giorgio Costa, via Azzo Gardino 48, Bologna.

 
 
 

***

La macchina del caos

 

Tre incontri per la critica del Nuovo Ordine Mondiale

 La macchina del caos lavora senza sosta creando i “fatti” secondo i propri principi e facendo, a suo modo, anche la nostra storia. Per definizione, il suo operare non può riconoscere limiti e confini visto che, come è stato ammesso da fonte interna autorevolissima, “the american homeland is the planet”. Sebbene in queste ultime settimane venga effettivamente contrastata sul teatro siriano dall’intervento della Russia di Putin, mantiene nel suo ventre oscuro copiose riserve velenifere e notevoli capacità metamorfiche che la rendono comunque temibilissima e nemica irredimibile di qualunque popolazione. Lo si vede, forse meglio che in passato, proprio in Europa, dove per l’affondamento di qualsiasi speranza di “risveglio politico globale” si serve senza scrupolo, fra le altre, dell’arma di distruzione chiamata “accoglienza dei migranti”. 

In questa situazione l’Italia, che rimane a livello planetario uno dei massimi terreni di sperimentazione per la macchina del caos, potrebbe senza paradosso rivelarsi uno degli avamposti strategici decisivi nel quale, in un futuro nemmeno troppo lontano, si giocheranno le sorti dei processi di affrancamento dal doppio giogo dell’Unione Europea e della Nato.   

A cura del blog www.controinformazione.info in collaborazione con: www.faremondo.orgbyebyeunclesam.wordpress.com

Categorie:Uncategorized

Importazione di popolazioni. L’esercito di riserva della globalizzazione e la destabilizzazione dell’Europa

16 novembre 2015 Commenti disabilitati

 

Sabato 28 novembre ore 16

 
 

IMPORTAZIONE DI POPOLAZIONI.

 

L’ESERCITO DI RISERVA DELLA GLOBALIZZAZIONE E 

 

LA DESTABILIZZAZIONE DELL’EUROPA

 

Locandina 28 novembre

 

Con l’intervento di

 

Enrico Galoppini, redattore del giornale in rete Il Discrimine (www.ildiscrimine.com)

 

e

 

Martina Carletti di ARS – Associazione riconquistare la sovranità.

 

Al centro sociale Giorgio Costa, via Azzo Gardino 48, Bologna.

 
 
 

***

La macchina del caos

Tre incontri per la critica del Nuovo Ordine Mondiale

 La macchina del caos lavora senza sosta creando i “fatti” secondo i propri principi e facendo, a suo modo, anche la nostra storia. Per definizione, il suo operare non può riconoscere limiti e confini visto che, come è stato ammesso da fonte interna autorevolissima, “the american homeland is the planet”. Sebbene in queste ultime settimane venga effettivamente contrastata sul teatro siriano dall’intervento della Russia di Putin, mantiene nel suo ventre oscuro copiose riserve velenifere e notevoli capacità metamorfiche che la rendono comunque temibilissima e nemica irredimibile di qualunque popolazione. Lo si vede, forse meglio che in passato, proprio in Europa, dove per l’affondamento di qualsiasi speranza di “risveglio politico globale” si serve senza scrupolo, fra le altre, dell’arma di distruzione chiamata “accoglienza dei migranti”.

In questa situazione l’Italia, che rimane a livello planetario uno dei massimi terreni di sperimentazione per la macchina del caos, potrebbe senza paradosso rivelarsi uno degli avamposti strategici decisivi nel quale, in un futuro nemmeno troppo lontano, si giocheranno le sorti dei processi di affrancamento dal doppio giogo dell’Unione Europea e della Nato.  

 

A cura del blog www.controinformazione.info in collaborazione con: www.faremondo.org, byebyeunclesam.wordpress.com

 

PROSSIMO INCONTRO: SABATO 12 DICEMBRE ORE 16 (al centro sociale Giorgio Costa, via Azzo Gardino 48, Bologna):

Per un’Italia sovrana e neutrale. Le prospettive del movimento per l’uscita dell’Italia dalla Nato. Con l’intervento di Vincenzo Brandi, portavoce del Comitato “No guerra No NATO”. (Il primo incontro IRAK LIBIA SIRIA YEMEN… E NON SOLO.ESPLOSIONI CONTROLLATE SULLA PELLE DEI POPOLI, si è svolto sabato 14 novembre. Con l’intervento di Marinella Correggia, giornalista e attivista contro la guerra da ultimo autrice di El presidente de la paz, saggio sulla politica estera di Hugo Chavez (edizioni Sankara).

La macchina del caos: Irak Libia Siria Yemen… e non solo. Esplosioni controllate sulla pelle dei popoli

La macchina del caos: Irak Libia Siria Yemen… e non solo. Esplosioni controllate sulla pelle dei popoli

Sabato 14 novembre dalle ore 16:00 alle ore 19:00
al Centro Sociale Giorgio Costa
Via Azzo Gardino 48, Bologna

 

Locandina 14 novembre

Con l’intervento di Marinella Correggia, giornalista e attivista contro la guerra, autrice di “El presidente de la paz”,

saggio sulla politica estera di Hugo Chavez (edizioni Sankara)

 

Primo di tre incontri per la critica del Nuovo Ordine Mondiale.
A cura di http://www.controinformazione.info/, in collaborazione con http://www.faremondo.org/ e https://byebyeunclesam.wordpress.com/

La macchina del caos lavora senza sosta creando i “fatti” secondo i propri principi e facendo, a suo modo, anche la nostra storia.
Per definizione, il suo operare non può riconoscere limiti e confini visto che, come è stato ammesso da fonte interna autorevolissima, “the american homeland is the planet”.
Sebbene in queste ultime settimane venga effettivamente contrastata sul teatro siriano dall’intervento della Russia di Putin, essa mantiene nel suo ventre oscuro copiose riserve velenifere e notevoli capacità metamorfiche che la rendono comunque temibilissima e nemica irredimibile di qualunque popolazione.
Lo si vede, forse meglio che in passato, proprio in Europa, dove per l’affondamento di qualsiasi speranza di “risveglio politico globale” si serve senza scrupolo, fra le altre, dell’arma di distruzione chiamata “accoglienza dei migranti”.
In questa situazione l’Italia, che rimane a livello planetario uno dei massimi terreni di sperimentazione per la macchina del caos, potrebbe senza paradosso rivelarsi uno degli avamposti strategici decisivi nel quale, in un futuro nemmeno troppo lontano, si giocheranno le sorti dei processi di affrancamento dal doppio giogo dell’Unione Europea e della NATO.

 

Prossimi incontri:

28 novembre 2015
Importazione di popolazioni.
L’esercito di riserva della globalizzazione e la destabilizzazione dell’Europa

12 dicembre 2015
Per un’Italia sovrana e neutrale.
Le prospettive del movimento per l’uscita dell’Italia dalla NATO

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

13 ottobre 2014 Commenti disabilitati

locandina_f.toA4_Bologna

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

3 ottobre 2014 Commenti disabilitati

 
 

Sabato 25 Ottobre alle ore 17:00

 

presso la Libreria Ubik Irnerio

Via Irnerio, 27

BOLOGNA

Ingresso libero

 

 

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

 

presentazione di:

Italia USA e Getta.

I nostri mari: discarica americana per ordigni nucleari

di Gianni Lannes

Senza titolo1

http://www.ariannaeditrice.it//vetrina.php?id_macrolibrarsi=80221

e

La Globalizzazione della NATO.

Guerre imperialiste e globalizzazioni armate

di Mahdi Darius Nazemroaya

Senza titolo

http://www.ariannaeditrice.it/vetrina.php?id_macrolibrarsi=73834

 

con Gianni Lannes (giornalista e fotografo freelance)

e Alessandro Iacobellis (esperto di politica internazionale e traduttore de La Globalizzazione della NATO)

modera Federico Roberti, curatore del blog byebyeunclesam

introduce Eduardo Zarelli, Arianna editrice

 

 

 

per info: redazione@ariannaeditrice.it

“LA RESURREZIONE DEGLI ARABI”. IL VERO VOLTO DELLE PRIMAVERE ARABE: evento a Bologna

12 maggio 2014 Commenti disabilitati

“LA RESURREZIONE DEGLI ARABI”. IL VERO VOLTO DELLE PRIMAVERE ARABE

SABATO 17 MAGGIO ORE 17.30 a Bologna, in VIA SILVIO PELLICO 4/B

Analisi geopolitica ed approfondimento della situazione attuale mediorientale.

10268543_1426677294258013_8026463164586505423_n

Interverranno:

  •  Alessandro Iacobellis, esperto in geopolitica ed autore dell’introduzione del libro “La resurrezione degli arabi” di Michel Aflaq – Anteo Edizioni

 

  • Alì Reza Jalali, esperto in relazioni internazionali ed autore del libro “Giustizia e Spiritualità. Il pensiero politico di Mahmoud Ahmadinejad” – Anteo Edizioni

 

  • Manuel Zanarini, gruppo culturale “Virtute e Canoscenza

 

La conferenza si svolgerà presso l’ “Osteria del Borgo”, in via Silvio Pellico 4/B

L’evento è organizzato dal gruppo culturale “Virtute e Canoscenza

Link: http://alirezajalali.altervista.org/blog/la-resurrezione-degli-arabi-il-vero-volto-delle-primavere-arabe-evento-a-bologna/

“MATTEI: PETROLIO E FANGO”, lo spettacolo di Giorgio Felicetti all’Arena del Sole di Bologna il 5-6-7 Dicembre

Arena del Sole

 

 

PETROLIO E FANGO

“Tutto è spaventosamente chiaro”. Pier Paolo Pasolini

Perché uno spettacolo su Enrico Mattei?

Il “grande corruttore incorruttibile”, il “grande capitano d’impresa”, il “grande pericolo per l’Occidente”, il “grande petroliere”, “l’italiano più grande dopo Giulio Cesare”.

C’è sempre il “grande”, vicino ad Enrico Mattei.

Mattei è probabilmente il personaggio del dopoguerra su cui si è scritto di più, una sterminata bibliografia, ancor più che su Aldo Moro.
C’è stato un bellissimo film di Francesco Rosi, una recente fiction RAI, decisamente brutta.

Ogni giorno, sui più svariati argomenti, viene fuori il nome di Enrico Mattei: si parla di geopolitica, della questione araba e del Maghreb in fiamme, è Mattei che prevede la necessaria emancipazione dei paesi africani, e per primo mette l’Italia al centro del Mediterraneo; si parla di crisi energetica, di forniture di gas, di energia alternativa, e lì il gioco è semplice, Mattei è stato l’energia italiana; si parla di scontro tra giustizia e potere: la sua vita e la sua morte sono al centro di questo conflitto; si parla di nuovo giornalismo, di editoria, di nuova architettura, di comunicazione, di arte figurativa, di marketing… e trovi Mattei. Tutto già previsto da quella strana specie di italiano che era Enrico Mattei.

Insomma, anche se spesso circondata da un alone di ostilità e mistero, l’eredità di quest’uomo è immensa.

Enrico Mattei a suo modo, tra luci accecanti ed ombre spaventose, è la figura di un patriota.

E anche lo spettacolo, a suo modo, è uno spettacolo “patriottico”.

Volevo far diventare teatro la vita di un personaggio che si getta nell’impresa grandiosa, fino a morirne.

Ho voluto narrare questa grande storia come un thriller industriale o una spy story, usando però uno stile da “showman“, facendo di questa tragedia moderna, paradigma della vita civile di un paese chiamato Italia.

All’interno dello spettacolo ci sono delle vicende mai raccontate, c’è un’importante intervista inedita ad un personaggio molto vicino a Mattei, e soprattutto, ci sono gli atti e le conclusioni del Tribunale di Pavia, riguardanti l’ultimo processo sul “caso Mattei”, e i legami tra la morte di Mattei e quella di Pier Paolo Pasolini.

Giorgio Felicetti