NO SANZIONI ALLA RUSSIA – FAR RIPARTIRE L’ITALIA, sabato 13 giugno a Bologna

21 maggio 2015 Commenti disabilitati

Segnaliamo la seguente iniziativa che avrà luogo sabato 13 giugno 2015, a Bologna

NO SANZIONI ALLA RUSSIA – FAR RIPARTIRE L’ITALIA

Il movimento politico Socialismo Patriottico ed il Comitato Italia-Russia organizzano, in data 13 Giugno 2015, a Bologna, in Piazza XX Settembre, dalle 16:30 alle 18, la manifestazione “NO SANZIONI ALLA RUSSIA – FAR RIPARTIRE L’ITALIA”.

Scopo della manifestazione sarà ribadire la nostra contrarietà al rinnovo delle sanzioni contro la Federazione Russa, per il quale il parlamento europeo voterà alla fine di Giugno.

Le sanzioni alla Federazione Russa rappresentano un provvedimento del tutto illegittimo e privo di qualsiasi fondamento, il cui unico risultato è quello di minare il diritto della Russia a sviluppare liberamente la propria economia, oltre che di provocare gravi danni all’economia degli stati che con essa intrattengono rapporti commerciali e politici.

Come cittadini italiani e lavoratori riteniamo sia indispensabile ristabilire un rapporto di fattiva e sana collaborazione tra la Repubblica Italiana e la Federazione Russa allo scopo di preservare un mercato di vitale importanza per le imprese italiane di tutti i settori, da quello agroalimentare, a quello energetico, a quello manifatturiero. L’economia italiana, già fiaccata e ridimensionata da scelte autolesioniste compiute per compiacere chiunque tranne che il nostro popolo, ha ricevuto dalle sanzioni alla Russia un’ulteriore duro colpo. Il nostro paese è all’interno di una spirale e di un circolo vizioso che devono essere assolutamente interrotti. L’ Italia deve poter fare scelte economiche che convengano alla sua economia e al suo popolo e non a potenze straniere o ad elité economico-finanziarie.

Socialismo Patriottico ed il Comitato Italia-Russia intendono altresì ribadire il loro sostegno alla politica estera della Federazione Russa, al suo ruolo fondamentale svolto nel mantenimento della pace e degli equilibri geopolitici a livello mondiale, al suo inviolabile diritto di svilupparsi pacificamente e liberamente e al mantenimento della propria sovranità.

Manifesteremo quindi per far sentire alta la voce del mondo italiano del lavoro che chiede sviluppo, garanzie e diritti: risultati che si possono ottenere soltanto attraverso la costruzione di rapporti internazionali sani e trasparenti nell’interesse del nostro popolo.

No alle sanzioni contro la Federazione Russa!
Sì all’amicizia Italia-Russia! Sì allo sviluppo economico!

NoSanzioniSP-e1432123648503

Fonte

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

13 ottobre 2014 Commenti disabilitati

locandina_f.toA4_Bologna

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

3 ottobre 2014 Commenti disabilitati

 
 

Sabato 25 Ottobre alle ore 17:00

 

presso la Libreria Ubik Irnerio

Via Irnerio, 27

BOLOGNA

Ingresso libero

 

 

L’Italia in guerra. Al comando degli USA e della NATO

 

presentazione di:

Italia USA e Getta.

I nostri mari: discarica americana per ordigni nucleari

di Gianni Lannes

Senza titolo1

http://www.ariannaeditrice.it//vetrina.php?id_macrolibrarsi=80221

e

La Globalizzazione della NATO.

Guerre imperialiste e globalizzazioni armate

di Mahdi Darius Nazemroaya

Senza titolo

http://www.ariannaeditrice.it/vetrina.php?id_macrolibrarsi=73834

 

con Gianni Lannes (giornalista e fotografo freelance)

e Alessandro Iacobellis (esperto di politica internazionale e traduttore de La Globalizzazione della NATO)

modera Federico Roberti, curatore del blog byebyeunclesam

introduce Eduardo Zarelli, Arianna editrice

 

 

 

per info: redazione@ariannaeditrice.it

“LA RESURREZIONE DEGLI ARABI”. IL VERO VOLTO DELLE PRIMAVERE ARABE: evento a Bologna

12 maggio 2014 Commenti disabilitati

“LA RESURREZIONE DEGLI ARABI”. IL VERO VOLTO DELLE PRIMAVERE ARABE

SABATO 17 MAGGIO ORE 17.30 a Bologna, in VIA SILVIO PELLICO 4/B

Analisi geopolitica ed approfondimento della situazione attuale mediorientale.

10268543_1426677294258013_8026463164586505423_n

Interverranno:

  •  Alessandro Iacobellis, esperto in geopolitica ed autore dell’introduzione del libro “La resurrezione degli arabi” di Michel Aflaq – Anteo Edizioni

 

  • Alì Reza Jalali, esperto in relazioni internazionali ed autore del libro “Giustizia e Spiritualità. Il pensiero politico di Mahmoud Ahmadinejad” – Anteo Edizioni

 

  • Manuel Zanarini, gruppo culturale “Virtute e Canoscenza

 

La conferenza si svolgerà presso l’ “Osteria del Borgo”, in via Silvio Pellico 4/B

L’evento è organizzato dal gruppo culturale “Virtute e Canoscenza

Link: http://alirezajalali.altervista.org/blog/la-resurrezione-degli-arabi-il-vero-volto-delle-primavere-arabe-evento-a-bologna/

“MATTEI: PETROLIO E FANGO”, lo spettacolo di Giorgio Felicetti all’Arena del Sole di Bologna il 5-6-7 Dicembre

Arena del Sole

 

 

PETROLIO E FANGO

“Tutto è spaventosamente chiaro”. Pier Paolo Pasolini

Perché uno spettacolo su Enrico Mattei?

Il “grande corruttore incorruttibile”, il “grande capitano d’impresa”, il “grande pericolo per l’Occidente”, il “grande petroliere”, “l’italiano più grande dopo Giulio Cesare”.

C’è sempre il “grande”, vicino ad Enrico Mattei.

Mattei è probabilmente il personaggio del dopoguerra su cui si è scritto di più, una sterminata bibliografia, ancor più che su Aldo Moro.
C’è stato un bellissimo film di Francesco Rosi, una recente fiction RAI, decisamente brutta.

Ogni giorno, sui più svariati argomenti, viene fuori il nome di Enrico Mattei: si parla di geopolitica, della questione araba e del Maghreb in fiamme, è Mattei che prevede la necessaria emancipazione dei paesi africani, e per primo mette l’Italia al centro del Mediterraneo; si parla di crisi energetica, di forniture di gas, di energia alternativa, e lì il gioco è semplice, Mattei è stato l’energia italiana; si parla di scontro tra giustizia e potere: la sua vita e la sua morte sono al centro di questo conflitto; si parla di nuovo giornalismo, di editoria, di nuova architettura, di comunicazione, di arte figurativa, di marketing… e trovi Mattei. Tutto già previsto da quella strana specie di italiano che era Enrico Mattei.

Insomma, anche se spesso circondata da un alone di ostilità e mistero, l’eredità di quest’uomo è immensa.

Enrico Mattei a suo modo, tra luci accecanti ed ombre spaventose, è la figura di un patriota.

E anche lo spettacolo, a suo modo, è uno spettacolo “patriottico”.

Volevo far diventare teatro la vita di un personaggio che si getta nell’impresa grandiosa, fino a morirne.

Ho voluto narrare questa grande storia come un thriller industriale o una spy story, usando però uno stile da “showman“, facendo di questa tragedia moderna, paradigma della vita civile di un paese chiamato Italia.

All’interno dello spettacolo ci sono delle vicende mai raccontate, c’è un’importante intervista inedita ad un personaggio molto vicino a Mattei, e soprattutto, ci sono gli atti e le conclusioni del Tribunale di Pavia, riguardanti l’ultimo processo sul “caso Mattei”, e i legami tra la morte di Mattei e quella di Pier Paolo Pasolini.

Giorgio Felicetti

 

 

CAMILLO OLIVETTI alle radici di un sogno – Mercoledì 18 luglio a Bologna

CAMILLO OLIVETTI alle radici di un sogno – Mercoledì 18 luglio a Bologna.

 

Lo spettacolo si terrà nello spazio antistante il Museo per la Memoria di Ustica, Parco della Zucca, via di Saliceto 3/22, Bologna.

 

INGRESSO GRATUITO.

 

In caso di maltempo lo spettacolo si terrà presso la sala del Centro Montanari

 

http://www.ilgiardinodellamemoria.it/teatri_della_memoria/camillo.html,

 

 

 

Come Associazione Eur-eka abbiamo parlato della storia della Olivetti in una conferenza che abbiamo tenuto lo scorso Novembre; si può consultare la videoregistrazione dell’incontro qui.

Categorie: Bologna, Economia, Sovranità

I professionisti della disinformazione

Il peggiore quotidiano d’Italia si appresta a celebrare la propria misera esistenza ospitando in pompa magna, fra gli altri, il capo dei camerieri dei banchieri (vedi La Repubblica sbarca a Bologna. Tutto esaurito per Mario Monti).

Ancora una volta Bologna è scelta quale sede per la diffusione del pensiero unico politicamente corretto, di ispirazione liberal-progressista.

A chi non si rassegna a questo stato di cose, è dedicato il seguente articolo che riporta uno dei tanti episodi di disinformazione attuati dalla testata giornalistica controllata da Carlo De Benedetti, e forse nemmeno uno dei più deplorevoli…

Il giornale nel mondo che ha scritto più balle su Fukushima? «La Repubblica»

Febbraio 21, 2012,  Leone Grotti

Non tutto quello che i grandi giornali mondiali ci hanno raccontato su Fukushima e il pericolo nucleare in Giappone pare essere vero. Jpquake.info ha riunito tutti i peggiori casi di giornalismo. Uno dei creatori del progetto rivela a Tempi.it: «Chi sono stati i peggiori in assoluto nel mondo? Quelli di Repubblica»

Giappone, 11 marzo, il terremoto, poi lo tsunami, l’allarme nucleare, la paura di una nuova Chernobyl, i reattori della centrale Fukushima I Daiichi pronti a esplodere, l’area di evacuazione, la nube tossica che arriva fino a Tokyo, i giornali di tutto il mondo che riportano la città che si svuota, la gente nel panico, le strade deserte, il caos. Ecco, è proprio sui reportage dei giornali che vale la pena soffermarsi perché, a quanto racconta “jpquake.info“, di castronerie ne sono state scritte a palate.

«Il progetto “jpquake.info” è nato in modo molto naturale. Dopo l’11 marzo sono circolate così tante storie contraddittorie e false, rispetto a quello che avveniva in Giappone, che alcune persone hanno deciso di raccoglierle. Io mi sono ritrovato impegnato a convincere amici e familiari che stavo bene, che in Giappone ero al sicuro. Così ho deciso di dare il mio contributo». Parla così a Tempi.it  Avery Morrow, insegnante americano di inglese che vive nel sud del Giappone, riguardo alla nascita del sito “jpquake.info”, che riunisce tutti i peggiori esempi di giornalismo per quanto riguarda il racconto dell’emergenza nucleare vissuta dal Giappone. Falsità, esagerazioni, invenzioni, manipolazioni: tutto pur di ingigantire e fomentare il terrore e il panico per un nuovo disastro atomico. E il premio come peggior giornale, indovinate chi l’ha vinto? La Repubblica.

Quali sono i principali errori che i giornali di tutto il mondo hanno fatto nel parlare di Fukushima?

Soprattutto nelle prime settimane, quotidiani americani ed europei hanno realizzato servizi intervistando qualunque straniero vivesse in Giappone, a caso, senza indagare chi fosse, l’importante era potersi mettere in contatto con qualcuno. Queste persone, quasi universalmente, hanno dato pessime informazioni. Qualunque standard di giornalismo si è dissolto.

Tra i giornali criticati ci sono anche due quotidiani italiani: il Corriere della Sera e la Repubblica. Che errori hanno fatto parlando di Fukushima?

Il peggior articolo scritto dal Corriere della Sera è un’intervista del 15 marzo a un ragazzo che consegna a domicilio le pizze e che ha fatto dichiarazioni ridicole su Tokyo, facilmente individuabili come balle. Ha detto: «La città è vuota, per le strade non c’è più nessuno: sono tutti chiusi nelle case. I negozi sono serrati e gli alimentari non hanno più nulla da vendere, in alcune zone della città non c’è l’acqua e l’elettricità funziona solo ogni tanto. Sembra di essere in una città fantasma». Il giornale non ha fatto niente per verificare se quello che il ragazzo diceva fosse vero o falso. Non hanno neanche mai pubblicato una rettifica. Hanno scritto anche molti articoli senza riferirsi a fatti accaduti in Giappone, che diffondevano solo la paura di un disastro nucleare. Ad ogni modo, se paragonati alla Repubblica, hanno solo avuto qualche svista.

Perché, che cosa ha scritto di male la Repubblica?

Ha messo su una parodia. Molte delle storie che hanno riportato non hanno nessun tipo di fonte. In particolare, un articolo diceva che milioni di persone stavano scappando da Tokyo e che l’intera città era nel caos. Nessuna fonte viene citata, è una specie di inganno, una storia sensazionale che però non ha riscontro in Giappone. Sembra pubblicata solo per vendere in edicola e non per informare le persone. Ma c’è di più.

Cosa?

La Repubblica ha usato anche una fonte palesemente falsa, un lavoratore “Fukushima 50″ a cui è stato dato il nome del sindaco di Rikuzentakata; questo falso lavoratore in un italiano perfetto ha spiegato al giornale che la centrale avrebbe «distrutto il Giappone». Che questa persona non esista, lo si poteva capire dal fatto che nessun lavoratore di Fukushima ha concesso interviste. Bastava cercare su Google ma nessuno l’ha fatto al giornale, forse perché si sono inventati tutto di proposito.

Nel sito sono citati anche importanti giornali internazionali come Bbc, Al Jazeera, Der Spiegel. Che cos’hanno scritto che non andava?

Der Spiegel ha realizzato un’intervista con una sola persona che sosteneva che Tokyo fosse una «città fantamsa», che i palazzi fossero deserti e i negozi chiusi. Pochi giorni dopo un’altra persona ha dichiarato che Tokyo avrebbe dovuto smettere di preparare il suo «amato Sushi», mentre i lavoratori di Fukushima Daiichi erano descritti come «piloti kamikaze». Il rapporto sembrava ignorare il fatto che la “città fantasma” si fosse misteriosamente ripopolata. Al Jazeera, invece, ha fatto un’intervista a un dimostrante contrario al nucleare, senza nessuna base scientifica, usando le sue parole per affermare che gli “scienziati” non credevano che ci fossero radiazioni sicure per l’uomo.

Qual è il peggior esempio di giornalismo in assoluto riguardo a Fukushima?

L’articolo pubblicato il 20 marzo da Repubblica: è la peggior storia scritta sul terremoto in tutto il mondo. Tokyo era dipinta come “una capitale in agonia”, da cui quattro milioni erano scappati per sfuggire alla “nube atomica”. E mentre scriveva che le tracce di iodio radioattivo nell’acqua erano al di sotto dei limiti legali e quindi innocue, aggiungeva un misterioso e pericoloso “ufficialmente”. Parlava poi delle mascherine indossate dalla gente, come se a Tokyo non lo si facesse tutti i giorni, come prova della paura delle radiazioni, quando tutti sanno che a Tokyo tutti le vestono tutti i giorni. Hanno scritto che la rabbia contro il governo stava crescendo e come fonte citavano ben una persona che si lamentava. Ma c’è molto di più, leggetelo sul sito: l’intero articolo era in buona sostanza un pezzo di finzione apocalittica.

E chi ci dice che non siate voi a riportare false controstorie?

Conosco molte persone a Tokyo, tutti hanno sempre parlato di inconvenienti legati al blocco della metropolitana, nei primi tempi dopo il terremoto. Nessuno però ha riportato una fuga della gente dalla città. A meno che non si ragioni come il Der Spiegel, che ha raccontato il fatto che un sacco di gente ha comprato biciclette, e io aggiungo che il motivo era la rottura della metropolitana, e poi ha concluso che volevano scappare così da Tokyo. Chissà che viaggio difficile!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: